Tu sei qui

La chiave per riuscire in qualsiasi impresa

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile 2015

Pace interiore e benessere a te che leggi! :)))
Apro questo articolo con una mia poesia, e a seguire un racconto di Lev Tolstoj...

Fede
 

Attingo col cuore
alla fonte di felicità
affinché io sia Amore
dove c'è ostilità:

di luce e cuoricini
l'aria s'appacifica,
esser tra noi vicini
l'anima magnifica...

Chi sa ascoltare,
e nel valor d'ognuno crede,
senza mal giudicare,
ha la miglior fede.

(Francesco Galgani, 5 aprile 2015)

Quanto segue è tratto da un discorso di Daisaku Ikeda tenuto il 16 maggio 1993 (fonte "Buddismo e Società" n. 169):

Tostoj scrisse molte storie di facile lettura e racconti popolari. Li compose per le persone comuni che vivevano della loro terra e per i giovani che avrebbero ereditato il futuro. Oggi vorrei parlarvi di uno di questi racconti, dal titolo "Tre domande". È la storia di un imperatore che, nell'amministrare gli affari del suo regno, si ritrova a porsi tre domande. La prima è: qual è il momento migliore per intraprendere qualcosa? Come faccio a sapere qual è il momento giusto per agire in modo da non avere rimpianti? La seconda domanda è: quali sono le persone di cui ho più bisogno? A chi dovrei prestare attenzione? La terza domanda è: quali sono gli affari che più contano?
L'imperatore desidera ardentemente trovare risposta a queste domande perché è sicuro che in questo modo avrebbe la chiave per riuscire in qualsiasi impresa. Così emana un bando per tutto il regno annunciando che chi saprà rispondere alle tre domande riceverà una lauta ricompensa. Si presentano molte persone istruite, ciascuno con la propria risposta. Ma nessuno convince l'imperatore. Chi è colto non è necessariamente saggio.
Tralascerò i particolari della storia, ma alla fine l'imperatore riceve la risposta giusta da un eremita che vive tra la gente. Il saggio risponde che il momento più importante è quello presente, questo istante, che la persona più importante è quella che ci sta di fronte adesso e che la cosa che più conta è fare del bene agli altri, preoccuparsi della loro felicità.
Questo momento, l'istante presente, è il più importante, non chissà quale momento futuro. Oggi, questo giorno, è ciò che conta. Dobbiamo concentrare tutti noi stessi nel presente, perché la vittoria futura è contenuta in questo momento.
Allo stesso modo, non abbiamo bisogno di cercare persone speciali in qualche luogo lontano da qui. Ciò che rende importante una persona non è il potere, o la cultura, la fama o la ricchezza. Le persone più importanti sono coloro che appartengono al nostro ambiente più prossimo. Sono queste le persone che dobbiamo valorizzare. I saggi sanno apprezzare quegli aspetti che rendono le persone intorno a loro individui unici e fanno in modo che riescano a tirare fuori il loro pieno potenziale. Questo è anche il modo per guadagnare la fiducia e il rispetto di tutti.
Ogni volta che vado all'estero, mi sforzo sempre di salutare con sincerità le persone che vedo appena scendo dall'aereo e di creare dei legami con loro. Continuo a fare così con tutti quelli che incontro da quel momento in poi. Da qui cominciano i miei sforzi per promuovere legami di amicizia.
Non è importante se sei uno sconosciuto agli occhi del mondo. Ciò che conta è sapere che hai fatto del tuo meglio, rimanendo te stesso, per il bene degli altri, per i tuoi amici e per la società in generale. Coloro che possono dichiarare questo con sicurezza sono campioni e campionesse di umanità e di vita.

Felicità a tutti,
Francesco Galgani,
6 aprile 2015