Tu sei qui

Democrazia: costruiamola insieme!

Ultimo aggiornamento: 7 Luglio 2017

QuokkaIl 5 luglio 2017 ho partecipato alle proteste in piazza Montecitorio, a Roma, contro il CETA (di cui i giornali non hanno dato notizia né prima né dopo, sebbene le minacce del CETA siano così gravi da meritare tutte le prime pagine per mesi).

Tutti noi siamo indispensabili per realizzare qualcosa di apparentemente impossibile, cioè la DEMOCRAZIA. Allo stato attuale in cui il potere è concentrato negli artigli distruttivi delle multinazionali (corporations), in cui i mass media fanno tutto il possibile per disinformare e distogliere l'attenzione dà ciò che realmente è importante (spostando la loro agenda setting dove fa comodo al Potere), e in cui "essere in Rete", come nei social network, è sovente un processo di cattura che impedisce una reale partecipazione alla vita democratica, la DEMOCRAZIA (che significa "potere del popolo") è un'utopia, cioè pur non trovando riscontro nella realtà è il giusto ideale verso cui tendere. Io penso e agisco in funzione di questo credo.

Per realizzare un mondo migliore per tutti c'è bisogno anche di te! :-)
La lotta comincia con noi stessi, con il nostro cambiamento.

La foto qui riportata è di un quokka, uno degli animali più socievoli e indifesi di questo mondo. Lottare per un mondo migliore significare pensare a tutti, ai più deboli innanzitutto... significa amare la vita e apprezzarne la bellezza.

«Non vi può essere vera democrazia a meno che i cittadini di un paese comprendano che essi sono i sovrani e i protagonisti principali, agendo di conseguenza con saggezza e profonda consapevolezza. La democrazia non adempirà la sua missione a meno che gli individui si alzino con maggiore informazione e coinvolgimento e, uniti, lottino in favore della giustizia, controllando le attività dei potenti.»
(Daisaku Ikeda, tratto da "Giorno per giorno", Esperia edizioni)

«Il filosofo italiano Norberto Bobbio è stato uno degli ultimi intellettuali contemporanei a vivere durante il fascismo e a dare un contributo culturale alla resistenza italiana contro l'occupazione nazista. Quando gli fu chiesto quali condizioni ritenesse indispensabili per impedire l'insorgere di una nuova dittatura nel suo paese, rispose: «La democrazia necessita di persone con una coscienza critica, capaci di pensare da sole». Aggiunse che coloro i quali avevano provato un fervente entusiasmo ascoltando i discorsi di Benito Mussolini non erano individui bensì un'orda che annullava le individualità. Sono parole che non dovremmo mai dimenticare. Credo che il cammino per il consolidamento della democrazia consista nel forgiare uomini e donne capaci di pensare da soli.»
(tratto dal libro "La forza della speranza", di Adolfo Pérez Esquivel e Daisaku Ikeda, Esperia Edizioni, 2016)

Classificazione: